I fantasmi e il cipressetto
Giuditta La parola agli autori - Un racconto in regalo da Emanuela Nava 01 Settembre 2014

Buon compleanno, Emanuela Nava!

Il regalo invece di riceverlo, Emanuela lo dona ai lettori: il racconto I fantasmi e il Cipressetto, un inedito nel cassetto della scrittrice, che con la dolcezza dei toni e l'esuberanza dei personaggi viene a lenire la nostalgia dell'estate che scivola via e ci accompagna in punta di piedi nell'autunno incipiente.

Da oggi, ogni giorno, pubblicheremo un capitolo del racconto. Ogni capitolo un passo, dando le spalle all'estate e con lo sguardo rivolto all'autunno. Difatti gli ultimi capitoli che completeranno il racconto saranno pubblicati i primi giorni d'autunno.

Quale modo più delicato per inoltrarci nella stagione della ripresa lavorativa e scolastica?

Non vi resta che cliccare sulla copertina e godervi la lettura dei due capitoli pubblicati di I fantasmi e il cipressetto di Emanuela Nava.

 
Dieci Buoni Motivi per NON Leggere Chi bacia e chi viene baciato
Rosa Mogliasso La parola agli autori - 10 buoni motivi... 01 Settembre 2014

Dieci Buoni Motivi per NON leggere

“CHI BACIA E CHI VIENE BACIATO”

Chi bacia e chi viene baciato

di

ROSA MOGLIASSO

-E’ fatto di carta, ultimamente sembra sia passata di moda.

-E’ scritto grande, non da l’impressione di essere un libro intellettuale.

-La fascetta promozionale è gialla, un colore che va bene solo per i lavori in corso e la first lady americana.

-Fa ridere, potrebbe distrarre dai problemi quotidiani, mentre quelli vanno affrontati con determinata concentrazione.

-Prima è già stato scritto molto e, in certi casi, molto meglio. Forse prima converrebbe finire l’opera omnia di Tolstoj, per non parlare di Henry James e Philip Roth.

-I personaggi sono seriali, nel caso appassionassero bisognerebbe comprare anche i tre libri che lo precedono, a fronte di un esborso economico rilevante.

-C’è molto sesso, ma non suggerisce nuove coreografie.

-Mi dicono si legga in una notte e allora meglio: “dormire, forse sognare. Sì, qui è l’ostacolo…” (Amleto, III atto, scena I)

-C’è molto sesso, questo l’ho già detto, ma non importa.

-L’assassino è simpatico.

 
Stalin + Bianca di Iacopo Barison
Agnese rubriche - In crescendo 30 Agosto 2014

“Il mondo degli arcobaleni estinti e delle maschere antigas.”

Questo è il mondo che descrive Stalin, il protagonista di questo romanzo, attraverso la sua voce e la sua videocamera.

In fuga da una realtà opprimente, in cui le difficoltà di un individuo diventano il suo unico attributo, Stalin è accompagnato da Bianca, sua unica amica in un quartiere caratterizzato dallo spaccio e dalla violenza.

L’amicizia tra i due sembrerebbe improbabile: un giovane regista con problemi di gestione della rabbia e una poetessa cieca. Ma Stalin è gli occhi per Bianca, e Bianca il cuore per Stalin; lui le descrive il mondo, lei gli dà la forza per resistere e vivere finalmente felice.

Leggete questo bellissimo romanzo per scoprire cosa sono disposti a fare per il bene dell’altro, incontrate con loro personaggi diversi ma accomunati dal perseguimento di un sogno, accompagnateli nel loro viaggio.

Perché da fuga il peregrinare di Stalin e Bianca diventa un viaggio vero, che intraprendono con curiosità e felicità, spinti dalla speranza in un futuro migliore.

In conclusione, la forza e il coraggio di sperare e di non arrendersi nonostante le difficoltà sono, a mio avviso, le maggiori qualità di Stalin e Bianca (personaggi e libro!).

Iacopo Barison, Stalin + Bianca, ed. Tunué (collana Romanzi)

 
L'assassino qualcosa lascia - Rosa Mogliasso
Ruk114 rubriche - BreveMente

L'assassino qualcosa lascia - Rosa Mogliasso

"Su un piatto della bilancia freschezza, ironia, brio; sull'altro omicidi tremendi, droga, menzogne; come fulcro il Commissario di PS Barbara Gillo in equilibrio instabile e apparente ma affascinante." *** (3 stelle)

 
Eventi
amministratore sito 17 Luglio 2014
 
Sconti in libreria
amministratore sito 01 Dicembre 2013

(gli sconti sono applicati solo nelle librerie che aderiscono alle campagne promozionali degli editori)